I consigli della nutrizionista - I segreti dello Yogurt

 Oggi vi voglio parlare di un cibo fresco, buono e salutare: lo yogurt!

Lo yogurt, infatti, è un alimento funzionale, naturale e probiotico che dev’essere preparato con latte, non in polvere, né addensanti né gelificanti. E’ un prodotto che si ottiene dalla semplice fermentazione acida del latte, operata da microorganismi che lo “pre-digerisiscono” modulandone le caratteristiche organolettiche e chimiche. I microorganismi utilizzati comunemente per la trasformazione del latte in yogurt sono Lactobacillus bulgaricus ( non il Bifidus ActiRegularis che non esiste come bacillo ma come composto chimico probiotico) e lo Streptococcus thermophilus: questi batteri trasformano lo zucchero del latte ( il lattosio) in due più semplici (glucosio e galattosio) per poi convertirli in acido lattico che conferisce il tipico sapore dolce e piacevolmente acidulo; mentre la cremosità è data dalla concentrazione e combinazione unica di microrganismi vivi, i fermenti lattici appunto.
I vantaggi dello yogurt:

  • È uno ottimo spuntino ipocalorico e saziante,
  • È più digeribile rispetto al latte perché si ha una minore quantità di lattosio;
  • Facilita l’assorbimento del calcio e del fosforo (previene l’osteoporosi);
  • Regolarizza l’attività intestinale e stimola la flora batterica fermentativa;
  • Regolarizza il pH gastrico (aumenta il potere tampone);
  • Aumenta le difese immunitarie grazie all’azione antibiotica esercitata su patogen intestinali.

Vi siete mai chiesti come si fa lo yogurt? Beh, è facile ma serve la Yogurtiera!

La yogurtiera è un incubatore che è in grado di mantenere un contenitore (se a caraffa) od una serie di contenitori (se a vasetti) a una temperatura costante tra i 40°C e i 45°C, ottimale per lo sviluppo dei batteri che trasformano il latte in yogurt.

Per fare questo la yogurtiera possiede un'apposita resistenza che riscalda un vano all'interno del quale vengono posizionati i contenitori (o il contenitore) con il latte e i fermenti lattici a contatto. Un dispositivo di controllo mantiene la temperatura costante, consentendo la produzione dello yogurt in un tempo variabile. La durata del processo può dipendere anche dal tipo di latte utilizzato, meglio se  latte intero, oppure una combinazione di latte intero e parzialmente scremato, ma anche il latte fresco pastorizzato. Attenzione! Il latte fresco deve essere trattato termicamente per almeno 15 minuti a 90 gradi (finchè sobbolle lievemente), quindi filtrarlo, farlo raffreddare e poi aggiungere lo starter (semplice yogurt bianco o i fermenti lattici liofilizzati) e metterlo in incubazione.

Una volta pronto, lo yogurt, va fatto raffreddare in frigorifero per almeno 6-8 ore. Si può allora lasciare a coagulo intero, prendendone un poco alla volta, senza mescolare il resto: si separa il siero così che lo yogurt diventerà sempre più concentrato, cremoso e calorico. Oppure, si può rompere il coagulo mescolando bene con un cucchiaio ottenendo così uno yogurt omogeneo più leggero.

Ricetta yogurt fai da te:

Base naturale per yogurt (per 7 vasetti circa)

1 litro di latte intero pastorizzato

1 bustina di di fermenti lattici liofilizzati

Aromi a piacere, ad esempio:

Materiale Occorrente:

  • Yogurtiera
  • Mestoli e cucchiai
  • Casseruola per intiepidire il latte
  • 7 vasetti con relativi tappi

Procedimento:

  1. Versare il latte nella casseruola e a fiamma dolce, mescolare fino a raggiungere 40-45°C;
  2. Aggiungere la polvere di fermenti lattici vivi e mescolare fino ad emulsione;
  3. Versare gli aromi a piacere;
  4. Lasciare in incubazione (leggere le istruzioni dello strumento);
  5. Al termine del processo, chiudere i vasetti col tappo e lasciarli riposare per per 2-3 ore in frigorifero (conservare in frigo, chiusi, per massimo una settimana).

Ora potete dare sfogo alla vostra creatività e creare i vostri barattoli di yogurt personalizzati: buoni, colorati e salutari! 

Dott.ssa Laura Cominato

--------


Dott.ssa Laura Cominato, Biologa Nutrizionista con laurea specialistica in Biologia della Salute, cura il blog BenessereSano, blog di nutrizione e salute. Figlia d'arte di una Dietista, la dott.ssa Cominato ha sempre avuto chiaro che il cibo è la prima medicina e l'ultima grande risorsa. Il suo motto è "Siamo ciò che mangiamo ma soprattutto saremo ciò che mangeremo". Seguite il suo lavoro e i suoi consigli sul suo blog e sulla relativa pagina Facebook, dove è sempre pronta e attenta a rispondere alle domande di chi, come noi di FreeGlù, ha sempre un occhio attento all'alimentazione.



Lascia un commento