5 minuti con... Tiziana Colombo: dal blog sulle intolleranze alla scuola di cucina

 In ogni settore ci sono personalità che rappresentano dei punti di riferimento: quando si parla di cibo senza glutine e intolleranze uno di questi è sicuramente Tiziana Colombo.

Fondatrice di Nonna Paperina e de Il mondo delle Intolleranze, Tiziana si è affermata nel mondo del food blogging già da diversi anni. E la sua attività è in continua evoluzione, un vero vulcano di idee!

Tiziana, sempre all'opera con idee ambizione, ha deciso di intraprendere un progetto che a noi di FreeGlù entusiasma: “La scuola delle intolleranze alimentari”. Partito da una campagna di crowdfunding sul porta online Eppela, ha raggiunto il traguardo prefissato ottenendo i fondi necessari per la sua creazione e sono cominciati a pieno ritmo i lavori di realizzazione!

Ecco a voi allora la mia chiaccherata con questa eclettica food blogger che, vi assicuro, ha davvero tanto da raccontare!

Ciao Tiziana, parlaci un po’ di te: quando nasce la tua passione per la cucina?

La passione per la cucina è una componente essenziale della mia vita: trovo sempre un motivo e un’occasione per pensare a un piatto, un ingrediente, una ricetta. Ogni momento libero che ho è un’occasione per creare, sperimentare, provare qualcosa di nuovo. Il momento più bello è quando ciò che ho creato, aggiungendoci sempre quell’ingrediente magico che è l’amore, lo condivido con gli altri.

Da dove nasce l’ispirazione per un tuo articolo?

Trovo molta ispirazione dai prodotti nuovi e alternativi, da ingredienti poco conosciuti o che hanno caratteristiche particolari e proprietà che li contraddistinguono in modo originale, non ordinario. Mi incuriosisce molto scoprire da dove viene un determinato alimento, da cosa è composto realmente. Questa mia tendenza alla ricerca di ingredienti sempre più caratteristici è ormai diventata per me una piacevolissima abitudine.

Quanto tempo fa ti sono state diagnosticate le tue intolleranze e quali sono?

Nel 2012 mi è stata diagnosticata l’allergia e l’intolleranza al nichel, poi quella al lattosio e al glutine. Inizialmente non posso negare che mi è crollato il mondo addosso: all’improvviso le pietanze preferite, alimenti generalmente innocui, si sono trasformate in un percorso minato. Successivamente ho cercato notizie, ad esempio sui prodotti che dovevo cominciare a mangiare, risposte, consigli, saltando come una palla rimbalzina da un sito all’altro.

Da quel momento sono partiti i tuoi progetti: dal blog, ai libri fino ad arrivare alla bellissima idea della “scuola delle intolleranze alimentari”. La prima domanda è: in quale momento e come è nata questa idea?

A dire la verità già dal 2004 avevo creato il primo blog di cucina per condividere con chi aveva la mia stessa passione il mio interesse, ma quando nel 2012 mi hanno diagnosticato le intolleranze, mi sono sentita completamente persa e ho perso anche la voglia di mangiare e di cucinare per i miei cari. Grazie però al supporto della mia famiglia e ad un percorso di conoscenza che ho intrapreso, mi sono rimessa in gioco con un nuovo blog riproponendo le ricette della cucina tradizionale ma questa volta con ingredienti adatti anche per intolleranti e allergici al glutine, al nichel ed al lattosio.

Cosa vorrà dire per le persone avere a disposizione un “scuola per le intolleranze alimentari”?

Questo progetto vuole dire tanto per chi come me soffre di intolleranze, la nostra missione è dare un supporto a 360° a chi soffre di intolleranze, a chi vuole tenersi sempre aggiornato su nutrizione e benessere, ma anche a chi vuole inserirsi nel mondo del food a livello professionale.

Coinvolgeremo personalità di spicco del mondo della cucina e della pasticceria e medici nutrizionisti per tutte le attività dedicate al benessere e alla nutrizione. 

Ci sono delle date che possiamo già segnare in agenda per questo progetto?

Mi sbilancio dicendoti che dovrebbe partire dal mese di Ottobre ma per ora preferisco non dire ancora nulla di definitivo perché ancora stiamo progettando e pianificando date ed appuntamenti che sono davvero da non perdere.

Parliamo di cucina: se potessi scegliere un solo piatto da cucinare ad una persona speciale e una città dove mangiarlo insieme, quale sceglieresti?

Senza dubbio una delle mie più famose ricette: le lasagne di nonna paperina, dove si utilizzano ovviamente ingredienti rigorosamente gluten free con qualche originale variazione. Per la location invece, sicuramente le mangerei nella mia città natale, Cremona, luogo in cui il 70% della popolazione soffre di allergie e intolleranze.

Tre blogger di cui non perdi mai un post?

I primi che mi vengono in mente che seguo con grande interesse sono sicuramente Robysushi, Monica’s Kitchen e La Cucina che Vale. Ma ce ne sono tantissimi altri che seguo assiduamente.

Qual è una frase o un motto che ti rappresenta?

Eh eh eh… senza alcun dubbio la frase è: “Don’t worry, be happy”, perché la felicità non è un traguardo, ma è un modo di vivere che va coltivato costantemente, indipendentemente da ciò che può accedere nella vita dobbiamo sempre trovare la forza per superare le difficolta e sorridere.

 



Commenti su questo post (1 commento)

  • ThomasMype scrive...

    -

    Febbraio 13, 2017

Lascia un commento