Un thè con... Alessandra Lupo

Chiaccherare con una persona brillante, acuta e simpatica è uno dei modi più piacevoli di trascorrere il tempo! Abbiamo dunque preso un thè virtuale con la nostra amica blogger Alessandra Lupo, autrice di Cronache di una Celiaca, che ci racconta come lei abbia vissuto il suo passaggio in età adulta tra alimentazione con glutine a alimentazione senza glutine e ci dà dei preziosi consigli per affrontarla al meglio!

Ciao Alessandra! Parlaci un po’ di te, del tuo blog: come è nato Cronache di una Celiaca?

Sono un Ingegnere di professione e mi sono scoperta blogger per passione. Cronache di una Celiaca infatti è nato in seguito alla diagnosi di celiachia, circa quattro anni fa. Nella mia città, Taranto, non conoscevo personalmente altri celiaci, non sapevo a chi chiedere informazioni, l'iter da seguire per curarmi. Anche cenare fuori all'inizio è stato un dramma, e dopo le prime brutte esperienze mi sono resa conto di dover far qualcosa, per me e per altri neo diagnosticati come me. E così ho ripercorso la mia nuova storia dall'inizio, raccontando stati d'animo, esperienze, aneddoti (che raccolgo ancora oggi), testando e recensendo prodotti della mia nuova dieta senza glutine e cercando locali informati (e preparati) sulla celiachia.

cronache di una celiaca blog

 Qual è stato il momento più bello e quello più difficile nel tuo viaggio all'interno del glutenfree?

I momenti belli sicuramente si presentano ogni qual volta un nuovo prodotto mi ricorda quello "glutinoso", purtroppo scoprire la celiachia in età adulta è forse più difficile perché gusti e sapori sono ancora ben impressi nella mente.

I momenti difficili li creano soprattutto persone intorno a me che ignorano la mia patologia, o che pensano di saperne qualcosa facendo solo tanta confusione. Spesso mi fanno sentire "diversa", ma tutto passa in breve tempo perché mi piace bacchettarle e allo stesso tempo informarle con i miei racconti.

Da dove nasce l'ispirazione per un tuo articolo?

Ogni articolo è frutto di quello che mi succede ogni giorno, quindi dalla felicità nel trovare biscotti confezionati per la colazione in un bar qualsiasi, alla scoperta del pane senza glutine di un forno di Laterza, agli amici che mi invitano a cena e preparano piatti speciali solo per me.

gelato e biscotti senza glutine

Se potessi scegliere un solo piatto da mangiare insieme ad una persona speciale e una città dove mangiarlo insieme, quale sceglieresti?

Una delle mie città del cuore è Londra, ci andrei sicuramente con il mio fidanzato! Nella capitale londinese sono già avanti da un po' sul mondo gluten free, sicuramente non mi farei mancare un mega cheeseburger!

3 blogger che segui con entusiasmo?

Mi vengono in mente Chiara Maci, Tiziana Colombo e Sonia Peronaci, ma ce ne sono tanti altri.

focaccia zucchine senza glutine

Il tuo blog è anche un punto di riferimento per coloro a cui è stata diagnosticata da poco la celiachia: qual è il miglior consiglio o incoraggiamento che tu, durante i primi tempi, abbia mai ricevuto parlando di alimentazione senza glutine?

Sicuramente noi celiaci rispetto a tanti anni fa abbiamo una scelta di prodotti davvero immensa, ma molti di questi non so né buoni né tanto meno salutari, sono anche più calorici e grassi di quelli con il glutine. Il mio consiglio è quello di non eccedere nel consumo di prodotti dolci e a base di mais, e di preferire invece prodotti naturalmente privi di glutine, la terra ne offre tanti e spesso non li conosciamo nemmeno.

 Qual è una frase o un motto che ti rappresenta?

Celiaca ma felice (quasi sempre!)

alessandra lupo

 

 



Commenti su questo post (2 commenti)

  • Francesca scrive...

    Ale, il tuo blog ha una doppia importanza…far conoscere cosa significhi vivere senza glutine a TUTTI…e serve a muoversi fuori casa. Continua così!

    Ottobre 24, 2016

  • Lucia scrive...

    Grande Alessandra sei riuscita a trasformare il tuo problema in una specie di divertimento e sfida….continua così perché riesci a dare fiducia a molti che come te lo vivono come un dramma??❤

    Ottobre 24, 2016

Lascia un commento