Un thè con... Letizia di Senza è buono

Oggi prendiamo un thè con un ospite speciale: direttamente dal blog Senza è buono, Letizia!

Letizia Senza è buonoLetizia è una giovane blogger: brillante, creativa e molto simpatica! E' in corso adesso una sua raccolta di ricette che vede protagoniste le migliori blogger italiane ma anche tante cuoche provette che non hanno un blog ma adorano cucinare! La raccolta si chiama "Un dolce Senza è buono per tutti" e indovinate un pò cosa vince la ricetta che verrà giudicata vincitrice? Un meraviglioso FreeGlù box! (Trovate il regolamento cliccando [qui])

 

 

contest senza è buono

E' con grande piacere che oggi vi raccontiamo della padrona di casa del blog sulla quale la raccolta è in corso: signore e signori ecco a voi Letizia!

Ciao Letizia! Parlaci un po’ di te, da dove nasce la tua passione per la cucina?

La mia passione per la cucina nasce da piccola: ricordo nitidamente quando osservavo la mia nonna paterna, una vera maestra nella pasta fatta in casa, mentre, in cucina era intenta a impastare farina e uova fresche: con le sue mani sapienti riusciva a creare ravioli, maltagliati, sagne e pasta alla chitarra. Cercavo di carpire ogni suo gesto, per poterlo replicare a casa. Dalla pasta fatta in casa, ai dolci, il passo è stato breve. Il mio primo dolce è stato un ciambellone semplicissimo. Ero una ragazza, avrò avuto 14-15 anni al massimo, ma la soddisfazione di mangiare un ciambellone fatto con le mie mani è stata enorme. Poi con il tempo, ho sperimentato altre ricette, come le crostate, che adoro o i biscotti e ho scoperto che mi piaceva moltissimo la pasticceria, quella “sana” e un po’ matta come piace a me.

Come è nata l’idea per il tuo blog?

Il mio blog è nato per caso. Ricordo che avevo appena terminato gli studi universitari e non avevo ancora focalizzato bene i miei obiettivi. In quel periodo, mia sorella aveva iniziato a soffrire di intolleranze alimentari e, per motivi di salute, ha dovuto eliminare determinati cibi dalla dieta. Dovendo, inoltre, evitare tutti i cibi industriali, compresi i mix già pronti gluten free –che contengono zuccheri e addensanti dai nomi strani- immediatamente si è creato un problema: la colazione. Così, giorno dopo giorno, ho iniziato a preparare io stessa torte e biscotti per lei e mi sono accorta che ero piuttosto brava anche con le farine alternative naturali. Creare il blog è stato il passo successivo. Anche se, devo ammettere che, soprattutto all’inizio è stata dura: il mio carattere timido e riservato non collimava molto con questo mondo, spesso preda di persone che vogliono solo apparire. Oggi dopo due anni dalla nascita di Senza è buono, sono più consapevole e più corazzata da questo punto di vista. E comunque, all’inizio, sentivo dentro di me che questo progetto avrebbe potuto aiutare tante persone con problemi di intolleranza. Il blog, quindi, è nato così per caso e poi è cresciuto, giorno dopo giorno, ricetta dopo ricetta. Oggi non potrei pensare alla mia vita senza il blog, è un po’ come un diario, una sorta di sfogo, ma anche un posto che mi ha consentito di venire a contatto con tante persone.

Da dove nasce l'ispirazione per un tuo articolo?

L’ispirazione per un mio articolo nasce sempre dalle mie esperienze di vita vissuta: i lettori trovano sul blog me stessa, sotto forma di parole, racconti sfumati e metafore. Le ricette, invece, sono spesso il risultato di esperimenti, che a volte sono dei pasticci, a volte sono dei “capolavori”, come la mia Torta cioccolato e zucca http://www.senzaebuono.it/torta-zucca-e-cioccolato-vegan-senza-glutine/ : ricordo che avrei voluto partecipare a un contest, che prevedeva obbligatoriamente l’utilizzo di alcuni ingredienti, la zucca, la cannella e il cioccolato. Ho pensato che insieme questi tre ingredienti potevano stare bene insieme in una torta semplicissima, basica. Ho aggiunto cacao e olio di cocco e messo in forno…ebbene, ne è uscito un dessert che ha avuto un successo pazzesco in rete. In molti mi hanno fatto i complimenti e hanno provato a preparare la torta con un ottimo risultato. Questo per me è fonte di grande soddisfazione e mi fa capire che il mio blog è una risorsa utile per molti.

torta zucca vegan senza glutine

Un’altra ricetta, frutto dei miei esperimenti è costituita dalle polpette di zucca e ricotta di mandorle http://www.senzaebuono.it/polpette-zucca-e-ricotta-di-mandorle-vegan-senza-glutine/ .L’ho creata dopo aver navigato sul web e aver trovato delle polpette con ricotta vaccina e zucchine: spesso basta poco per trasformare una preparazione, adeguandola alla stagionalità e alle proprie esigenze alimentari.

polpette zucca e ricotta

Infine un’altra ricetta alla quale sono molto legata è quella dei biscotti senza farina con zenzero e cioccolato http://www.senzaebuono.it/biscotti-zenzero-e-cioccolato-senza-farina-vegan/ nati dall’esigenza di non utilizzare la farina…e potrei continuare ad oltranza :-D

biscotti zenzero e cioccolato

Tu fai delle ricette fantastiche! Ti è mai capitato di notare che spesso i piatti gluten free, o “senza” in generale, siano così buoni che piacciano a prescindere anche a chi non ha intolleranze alimentari?

Intanto grazie per i complimenti, fanno sempre piacere :) . Personalmente, mi capita spesso di proporre torte e biscotti “senza” alle mie amiche che non soffrono di particolari intolleranze e ogni volta fanno il bis e ricevo complimenti. È successo con gli occhi di bue http://senzaebuono.it/occhi-di-bue-senza-glutine-senza-latte/ , ma anche con la crostata fichi e cioccolato http://www.senzaebuono.it/crostata-delizia-fichi-e-cioccolato/ . Quest’ultimo dolce è piaciuto anche ai miei, che non mangiano quotidianamente senza glutine e sono giudici implacabili.

occhi di bue

costata fichi e cioccolato

Se potessi scegliere un solo piatto da cucinare ad una persona speciale e una città dove mangiarlo insieme, quale sceglieresti?

Mmm che bella domanda! Nella mia vita è entrata da poco una persona speciale, e sto imparando a conoscere i suoi gusti…quindi credo che ce ne andremmo a Vienna, una città che mi affascina da sempre e credo che sarebbe impossibile non mangiare insieme una golosissima Sacher, il mio dolce preferito in assoluto, che tra l’altro, in occasione del mio compleanno, ho preparato anche in versione crostata, con tanti senza http://www.senzaebuono.it/crostata-sacher-senza-glutine-vegan/

crostata sacher

Qual è il miglior consiglio o incoraggiamento che tu abbia mai ricevuto parlando di alimentazione senza glutine?

Come accennavo prima, tramite Senza è buono mi è capitato di ricevere messaggi da molte persone, soprattutto celiaci, in cerca di ricette sane e mix free, che mi ringraziavano per le idee che fornisco loro, ma anche persone intolleranti, che cercano sempre un dolce per la colazione. Ma una ragazza, in particolare, mi ha scritto un messaggio privato che non scorderò mai: questa ragazza soffre di endometriosi, una malattia a base infiammatoria molto dolorosa e spesso invalidante, per la quale non esiste cura nella medicina tradizionale, se non la chirurgia. Alcuni medici, tuttavia, si sono resi conto che è possibile arginare i sintomi e l’infiammazione mangiando diversamente, ovvero, eliminando glutine, latticini e carne rossa e incrementando il consumo di vitamine, omega 3 e Sali minerali. Questa ragazza segue un’alimentazione di questo tipo e mi ha ringraziato e incoraggiato a continuare, sottolineando quanto sia importante per lei trovare nuove idee per la sua dieta. Il suo messaggio mi rende ancora più sicura del lavoro che svolgo con il blog, anche perché bisogna sfatare un mito: non ci sono solo i celiaci che mangiano senza glutine e allontanano i latticini dalla propria dieta, ma anche chi soffre di malattie di tipo autoimmunitario e infiammatorio. Queste persone spesso decidono di stare meglio, abbracciando un’alimentazione alternativa e non lo fanno sicuramente per seguire una moda.

Qual è una frase o un motto che ti rappresenta?

Il mio motto è collegato al nome del blog: una ricetta “senza” è buona per tutti :)

plum cake senza glutine pere farina di castagne

biscotti inzupposi senza glutine



Commenti su questo post (1 commento)

  • Elisa scrive...

    Adoro SENZA è BUONO!!!!
    Davvero brava.

    Novembre 18, 2016

Lascia un commento